Seguici su

Esplora contenuti correlati

Fondi per combattere il digital divide nei piccoli comuni. La soddisfazione di Uncem Lazio

15 Luglio 2021

L’Uncem Lazio, che mi onoro di presiedere, esprime soddisfazione per l’approvazione, in giunta regionale, di uno stanziamento di 2,2 milioni di euro in favore del processo di digitalizzazione dei 254 piccoli comuni del Lazio.

“Noi di Uncem, infatti, siamo stati i primi e più convinti promotori della battaglia contro il digital divide che relaga gran parte dei piccoli centri italiani, soprattutto quelli montani, a scontare un gap insostenibile nei confronti di altri territori a causa della mancanza o dell’insufficienza della rete internet ormai indispensabile per qualsiasi sviluppo.

La nostra organizzazione, con il presidente nazionale, Marco Bussone, in prima linea, ha realizzato un dossier molto capillare  su tutto il territorio italiano per tracciare la situazione dell’emarginazione digitale e denunciarla agli organismi decisionali nazionali. Siamo stati ascoltati e finalmente la battaglia contro il digital divide è entrata nelle agende dei governi. Grazie alla sensibilità del presidente Nicola Zingaretti e degli assessori al Turismo ed Enti Locali Valentina Corrado e alla Transizione Ecologica e Digitale Roberta Lombardi, è arrivato questo primo stanziamento che riteniamo certamente non esaustivo ma molto importante. Questi 2,2 milioni di euro, infatti, consentono di attivare servizi come l’accesso alle piattaforme nazionali (SPID, PagoPA, AppIO) attraverso l’intermediazione tecnologica operata dalla Regione Lazio, abilitare forme di lavoro agile e la migrazione dei data center al cloud regionale, supportare la gestione della protezione dei dati personali, migliorare l’accessibilità e la sicurezza dei portali web. Dotare i Piccoli Comuni di nuovi servizi digitali. In sostanza va nella esatta direzione della battaglia che Uncem ha iniziato due anni fa e che offre i primi esiti positivi grazie alla sensibilità di alcune amministrazioni pubbliche. Il Lazio è tra le prime”.

Lo ha dichiarato il presidente di Uncem Lazio, Achille Bellucci

Condividi: